[Emergenza Covid-19] E’ consentito fare uscite fotografiche? (Articolo in aggiornamento)

I vari divieti imposti per l’emergenze sanitaria dovuta al Covid-19 ci hanno costretti a rinunciare alle nostre abitudini, ai nostri ritmi e alle nostre passioni.
I tanti decreti legge emanati dal governo in questo lungo periodo però hanno creato spesso confusione su cosa è possibile fare e cosa invece è vietato, sui limiti dei spostamenti e sulle varie eccezioni.
Agli appassionati di fotografia il dubbio quindi sorge spontaneo: è possibile uscire con la propria fotocamera per fare qualche scatto?
In questo articolo cercheremo di rispondere a questo quesito, aggiornandolo di volta in volta in base ai decreti e alle ordinanze emesse.




Teniamo a sottolineare che le uscite a cui ci riferiamo sono solamente quelle fatte dai fotoamatori, in quanto per i professionisti il discorso è molto più complesso e non di facile interpretazione (ci sono regole troppo specifiche per ogni categoria che lavora come fotografo/fotoreporter).

E’ consentito fare uscite fotografiche? 

Con il Dpcm entrato in vigore il 18 maggio 20021, sono state confermate le designazioni delle zone rosse, arancioni, gialle e bianche a seconda della criticità del territorio e con misure via via più restrittive.
Il colore di solito è assegnato ad una ragione intera ma possono riguardare anche solo singole province o comuni.

Nella zona rossa (livello di criticità massimo) è vietato ogni spostamenti in entrata e in uscita, anche all’interno del proprio comune, salvo per esigenze lavorative, salute o di necessità (per questi motivi è obbligatorio avere come sempre l'autocertificazione).
In queste zone sono quindi vietate ogni tipo di uscite fotografiche all’esterno. 

Nelle zone arancioni sono vietati gli spostamenti fuori dal proprio comune. 
Di conseguenza in queste zone non è del tutto vietato fare uscite fotografiche purchè si rimanga all'interno del comune di residenza/domicilio.
In questa zona viene comunque fortemente raccomandato di evitare spostamenti non necessari nel corso della giornata anche all’interno del comune.

Nelle zone rosse e arancioni è consentito invece spostarsi se si è in possesso del green pass, rilasciato a chi ha completato il ciclo vaccinale, a chi si è ammalato di Covid ed è guarito negli ultimi sei mesi e a chi ha effettuato un test molecolare o rapido con risultato negativo nelle precedenti 48 ore.  
In questo caso gli spostamenti sono permessi anche tra una regione e un'altra.




Nelle zone gialle e bianche sono consentiti qualunque tipo di spostamenti
Quindi in queste zone sono consentite le uscite fotografiche.

 

Per tutte le zone (tranne quella bianca) resta in vigore il coprifuoco, che vieta di circolare dalle 24 alle 5 del mattino.

 

Ogni 15 giorni (di solito il venerdì) il Ministero della Sanità emana un ordinanza per modificare o confermare l'assegnazione dei colori alle regioni.

 

Ultimo aggiornamento dell'articolo: 07/06/2021 - 14:00

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.